Livestream Shopping: 4 segreti per rivoluzionare il mondo eCommerce

Progetto senza titolo

Nell’era della digitalizzazione le novità sono sempre dietro l’angolo: recentemente è stato trovato l’anello mancante in ambito di live streaming, di contenuti trasmessi in diretta – la capacità per i consumatori di poter acquistare prodotti direttamente dal video che stanno guardando.

Il Livestream shopping (o Livestream eCommerce) incorpora contenuti video in diretta, un tipo di comunicazione bilaterale e la possibilità per gli spettatori di comprare o salvare determinati prodotti sponsorizzati direttamente dalla piattaforma, senza ulteriori passaggi. Praticamente è come se i famosissimi canali di televendite fossero sbarcati direttamente online, con una nuova forma e uno specifico modulo integrato per eCommerce e soprattutto senza numero verde da chiamare a tutte le ore.

Per i rivenditori lo shopping in live streaming offre diversi vantaggi, tra cui: una riduzione del periodo di tempo impiegato dai potenziali clienti a riflettere se fare un acquisto o meno, un aumento dell’engagement e, di conseguenza, delle vendite. Il mercato americano dello shopping in live streaming arriverà probabilmente a toccare gli 11 miliardi di $ alla fine del 2021 e a 25 miliardi di $ nel 2023. In Cina, è volato alle stelle, partendo da 66 miliardi nel 2019 e arrivando a 150 miliardi nel 2020, nel 2021 molto probabilmente sfiorerà i 300 miliardi.

Il segreto di questo successo? Lo shopping in live streaming permette ai rivenditori di sviluppare un rapporto più profondo con i propri clienti, proprio grazie all’immediatezza delle interazioni.

1. Non solo moda e bellezza

Lo shopping in Live Streaming è in grado di ridurre quelle barriere che si creano naturalmente al momento di un acquisto online e che durante altre esperienze di acquisto non si verificano. Le sessioni di “prove virtuali” dei prodotti e di scambio di domande e risposte possono aiutare i consumatori a decidere più velocemente, senza insicurezze.

I rivenditori di abbigliamento e i brand legati alla cura della bellezza sono stati fin da subito promotori dello shopping in Live Streaming, ma anche chi vende generi alimentari e prodotti di nicchia dovrebbe tenere sott’occhio le potenzialità di questo strumento sensazionale. Per esempio:

  • Un eCommerce che vende prodotti alimentari potrebbe proporre delle sessioni di shopping in diretta a tema idee e ispirazioni per ricette culinarie, magari dedicate a varie festività. Chi conduce la diretta potrebbe dare dritte su cosa cucinare per un aperitivo, una cena romantica o una semplice serata in compagnia, rispondendo a tutte le domande possibili per cercare di indirizzare ad acquistare il prodotto migliore. I prodotti menzionati potranno essere acquistati direttamente dalla diretta, magari anche con consegna entro 24 ore!
  • Un eCommerce nel settore arredamento, per esempio, potrebbe mostrare agli utenti in livestreaming la sua offerta di divani, mettendo in risalto le differenze tra un modello e l’altro in termini di materiali, di stoffe e di comodità. La possibilità di rispondere repentinamente alle domande renderà più affidabili le promesse fatte, dando agli utenti una sicurezza tale da permettere di fare un acquisto costoso online in poco tempo, ma senza troppi dubbi e ripensamenti a riguardo.

Questo tipo di esperienza è in grado di avvicinare i rivenditori ai clienti, creando un rapporto molto simile a quello umano, perché adatta a una moltitudine di clienti diversi, magari impossibilitati a visitare il negozio fisico, o che di norma preferiscono acquistare nel comfort di casa propria.

2. L’importanza della piattaforma giusta

Ci sono due percorsi principali che rendono accessibile lo shopping in livestreaming: o la piattaforma di livestreaming si integra con quella dell’eCommerce stesso, oppure è necessario che la diretta trovi luogo su un’altra piattaforma come Facebook o Google Shopping. L’opzione che dà più controllo ai proprietari di eCommerce è ovviamente quella che prevede l’integrazione con l’eCommerce o App stessi. Questa indipendenza permette di gestire al meglio l’inventario, i carrelli e i dati dei clienti.

Usare una piattaforma terza potrebbe risultare più semplice da implementare inizialmente, ma de-centralizzare l’esperienza di acquisto dall’eCommerce a un’altra parte potrebbe complicare le cose nel lungo periodo.

Spostare l’esperienza d’acquisto dal proprio raggio di azione significa rinunciare al controllo su di essa, questo include la possibilità di perdere opportunità di re-engagement e di acquisizione di dati utili al re-targeting.

Tenendo la live direttamente sul proprio sito eCommerce, d’altra parte, il merchant è anche in grado di fornire agli utenti un’esperienza d’acquisto più immersiva. Con l’utilizzo di piattaforme come Marlene Live, la nuova piattaforma di Livestream Shopping italiana, l’utente può infatti navigare sul sito del merchant, vedere le schede prodotto e procedere al checkout senza mai abbandonare la diretta. Il che assicura tassi di conversione più alti (si parla di tassi 5x maggiori rispetto ai canali tradizionali).

3. Sfruttare “il bello della diretta” 

Pensa a come tutti i contenuti in diretta potrebbero essere sfruttati anche in futuro. I rivenditori che scelgono di trasmettere l’evento sulle proprie piattaforme in prima persona, potrebbero creare dei veri e propri archivi a disposizione dei visitatori per guardare on demand gli eventi passati. Ma, a seconda della tecnologia di ogni piattaforma, questa modalità potrebbe non includere la componente dell’acquisto direttamente dall’evento in questione.

Un’altra tattica molto efficace potrebbe essere quella di sfruttare alcuni segmenti delle dirette condividendoli sui propri canali social, così da mettere in risalto al meglio il prodotto che si sta cercando di sponsorizzare.

4. Non i soliti risultati

Convertire, solitamente, è l’obiettivo finale, ma i proprietari di eCommerce che sfruttano lo shopping in livestreaming potrebbero aver accesso a una quantità molto maggiore di risultati come:

  • Il tasso di Engagement totale: In particolar modo paragonato a quello di altri eventi in diretta.
  • I dati dei clienti: Chi ha partecipato all’evento? Cosa ha acquistato o salvato? Che domande ha fatto un utente durante la diretta?
  • Riduzione del periodo di tempo durante il quale i potenziali clienti riflettono se fare un acquisto o meno, e diminuzione del tasso di resi: come conseguenza della possibilità data dall’evento in diretta di poter fare domande dirette e di vedere un prodotto al di fuori di un contesto statico come quello della pagina di un sito web.

Il potenziale dello shopping in livestreaming è davvero significativo: intrattiene il pubblico, aumenta le vendite e soprattutto, dà un’opportunità a qualsiasi tipo di eCommerce di raggiungere obiettivi degni di nota. Sarà il tuo shop online a diventare la prossima stella del Live Stream Shopping? Ricorda che siamo a disposizione per darti una mano con il tuo sito web: scrivici e sarai ricontattato il prima possibile da un nostro eCommerce Specialist per una consulenza personalizzata.

A presto,
Il Team eShoppingAdvisor

Articoli correlati

Scrivi un commento